Terni, città dello spreco 2/L’ASSURDO COSTO DELL’ACQUA

DI SIMONA TENENTINI – Terni? Città dello spreco e dell’inefficienza. Il capoluogo umbro si piazza ai primi posti tra i comuni italiani per quanto riguarda le tariffe elevate, l’aumento delle tasse e l’inadeguatezza dei servizi offerti, di certo non adeguati agli oneri che i cittadini devono pagare. In ogni settore della vita sociale, negli ultimi anni, si sono registrati incrementi vessatori ed iniqui che vanno ad incidere direttamente sulla qualità della vita e sul reddito pro-capite, trascinando l’Umbria in fondo alle relative classifiche nazionali.  Un litro d’acqua a Terni costa 4 volte più che a Milano. Solo Latina e Agrigento, in Italia, superano questi valori. Il Sii prevede che la tariffa media del Servizio idrico integrato ATO2 di Terni passerà dall’ 1,2 €/mc del 2004 ai  2,30 €/mc nel 2011. L’impennata della tariffa non può lasciare indifferenti: l’incremento è, infatti, del 92%. Solo nell’ultimo anno le tariffe sono aumentate del +6,2% contro il 5,4% della media nazionale e il  costo medio annuale (308€) è il terzo più alto in Italia, basti pensare che la media si attesta su  261 euro. E la situazione non è certo destinata a migliorare, anzi. Facendo un bilancio sulla privatizzazione  della gestione si può tranquillamente affermare che essa si è risolta solo in un drenaggio delle risorse economiche delle famiglie. Una corsa all’oro blu’, in sostanza, ad esclusivo appannaggio di pochi.

Tagged under

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

11°C

Terni

Mist

Humidity 83%

Wind 11.27 km/h

  • 24 May 201522°C9°C
  • 25 May 201525°C12°C