Meteo/ LA NUBE DEL VULCANO POTREBBE CAMBIARE IL CLIMA: UN’ESTATE SENZA SOLE? (Guarda video)

Scritto da Web & Books on . Postato in METEO

NUBE 249x142 Meteo/ LA NUBE DEL VULCANO POTREBBE CAMBIARE IL CLIMA: UNESTATE SENZA SOLE? (Guarda video)L’eruzione in Islanda dell’Eyjafjallajkull ha proiettato nell’atmosfera a una quota di 4/5 Km una massa calda di polveri e gas. Una nuvola in grado di influenzare il clima localmente, ma che potrebbe avere effetti piu’ estesi e piu’ duraturi se parte delle polveri dovessero finire nella stratosfera. ”Se le polveri emesse dal vulcano islandese avranno quantita’ e soprattutto energia (termica) tale da ‘bucare’ la tropopausa e finire nella stratosfera, potrebbero restare anche anni e determinare cambiamenti climatici piu’ significativi”, dice Vincenzo Ferrara, esperto di clima dell’Enea alla luce delle nuove rilevazioni sulle correnti in quota e l’andamento dei venti. Un nucleo di alta pressione al largo delle coste irlandesi, accoppiato ad una bassa pressione sulle Azzorre, ha formato nell’area una configurazione della circolazione atmosferica nota ai meteorologi con il nome di ‘blocco atlantico’. Questa configurazione, caratterizzata da venti intensi da nord sull’Europa, e’ in grado di persistere per diversi giorni e sta ‘spingendo’ rapidamente la nube di polvere verso il sud d’Europa, dove la nube – secondo gli esperti di clima dell’Enea – ha trovato le condizioni ideali per disperdersi sul continente. L’eruzione sta causando gravi danni al traffico aereo. Per l’eruzione dell’Eyjafjallajkull la situazione e’ aggravata dal fatto che la nube intercetta gran parte delle rotte polari fra Europa e America del Nord. Oltre alle conseguenze sul traffico aereo potranno esserci effetti rilevabili anche sul sistema climatico. Le polveri e l’anidride carbonica prodotte dalle eruzioni vulcaniche generano effetti contrastanti sulla temperatura. L’aumento di anidride carbonica tenderebbe ad aumentare temporaneamente l’intensita’ dell’effetto serra. Tuttavia l’effetto di gran lunga piu’ rilevante e’ quello dovuto alle polveri. ”A seconda della consistenza e del tipo di eruzione, la nube vulcanica forma uno strato di polveri che puo’ arrivare – secondo gli esperti dell’Enea – anche a rivestire tutta l’atmosfera terrestre. Questo strato funziona da schermo e da specchio per la radiazione solare provocando un importante riscaldamento della stratosfera (sopra la nube) e un raffreddamento dei bassi strati dell’atmosfera (sotto la nube)”. ”Le conseguenze di un’eruzione particolarmente ricca di composti attivi dal punto di vista dell’interazione con la radiazione solare (solfati), vengono osservate solitamente durante i due anni successivi all’evento. Il riscaldamento della stratosfera puo’ superare (come nel caso dell’eruzione del Pinatubo nel Giugno 1991) gli 0.5 gradi centigradi a scala planetaria con conseguente impatto su tutta la circolazione atmosferica. Nella bassa atmosfera le conseguenze delle eruzioni sull’abbassamento delle temperature globali sono meno evidenti anche se nel passato si sono verificati casi eccezionali: l’eruzione dell’Aprile 1815 del Monte Tambora in Indonesia ha provocato un tale abbassamento della temperatura da trasformare il 1816 in un anno senza estate”.

                                                                                                                                C’è grande attenzione da parte di tutti gli studiosi per quanto riguarda le possibili ripercussioni di quest’eruzione sul clima della Terra: se l’attenzione sulla nube ai bassi strati è legata ai disagi del traffico aereo e ai posibili rischi per la salute del corpo umano, invece per capire se queste polveri vulcaniche provocheranno cambiamenti climatici bisogna guardare più in alto, nella stratosfera. La colonna di fumo, polveri e gas s’è proietteta, al momento, fino a poco più di seimila metri di quota, nell’atmosfera. Affinchè anche il clima, a medio e lungo termine, sia influenzato da questo fenomeno, la nube dovrebbe avere una forza termica tale da bucare la tropopausa (circa novemila metri di quota) e finire nella stratosfera, dove le polveri potrebbero ristagnare per mesi e anni dando vita a cambiamenti climatici molto significativi. E’ ancora presto per capire se ciò accadrà nei prossimi giorni, ed è comunque impossibile immaginare quali potrebbero essere le conseguenze, perchè le polveri e l’anidride carbonica prodotte dalle eruzioni vulcaniche generano effetti contrastanti sulla temperatura. L’aumento di anidride carbonica tenderebbe ad aumentare temporaneamente l’intensità dell’effetto serra. Ma senza ombra di dubbio l’effetto di gran lunga più rilevante potrebbe essere legato alle polveri che, in base della consistenza e al tipo di eruzione, potrebbero formare uno strato che potrebbe anche rivestire tutta l’atmosfera terrestre. In questo caso, la Terra avrebbe un nuovo e insolito “schermo” che fungerebbe da specchio per la radiazione solare provocando un importante riscaldamento della stratosfera (sopra la nube) e un raffreddamento dei bassi strati dell’atmosfera (sotto la nube). In parole semplici, la nube vulcanica potrebbe oscurare il sole e quindi provocare un netto raffreddamento del pianeta. Solitamente ciò accade durante i due anni successivi all’evento eruttivo, ed è già capitato più volte in passato, basti pensare all’eruzione del Tambora, in Indonesia, nell’aprile del 1815 o al più recente Pinatubo, nelle Filippine, nel giugno 1991.

I PRECEDENTI DEL TAMBORA E DEL PINATUBO – Nel primo caso, le ripercussioni climatiche furono catastrofiche. La polvere vulcanica emessa dal Tambora restò per molto tempo nella stratosfera abbassando notevolmente il soleggiamento. In tutto il pianeta, per un paio d’anni, il clima fu sconvolto con inverni polari ed estati fredde. Il 1816 viene infatti ricordato come “l’anno senza estate”, e ne risentì moltissimo anche l’agricoltura: con scarsissimi raccolti, si impoverirono vaste aree del pianeta. Il Pinatubo, nelle Filippine, ebbe effetti simili tra 1991 e 1993. A livello globale, la temperatura diminuì di mezzo grado e il buco dell’ozono crebbe sostanzialmente a causa dell’enorme quantità di fas immessi nella stratosfera.

IN ISLANDA E’ ALLARME ANCHE PER ALTRI TRE VULCANI – Intanto, semre in Islanda, è allarme anche per il vulcano Grimsvotn, che sorge sotto il più grande ghiacciaio d’Europa, il Vatnajokull. Nella zona del vulcano sono stati registrate piccole scosse di terremoto e le condizioni sono molto simili a quelle che precedettero la sua ultima eruzione nel 2004. Secondo gli esperti potrebbe tornare ad eruttare nei prossimi 24 mesi e il rischio è quello di un nuovo “joklahlaup”, il fenomeno per cui la pressione causata dall’acqua fa esplodere la cappa di ghiaccio sopra il cratere principale e produce un fiume di lava devastante. A rischio è anche l’Hekla, il vulcano più famoso (e temuto) d’Islanda, che dal 1979 è entrato in fase eruttiva più o meno ogni 10 anni, l’ultima proprio nel 2000. Ma nell’immediato la preoccupazione maggiore riguarda il Katla, un vulcano che si trova a est del ghiacciaio Eyjafjallajokull e con una lunga storia di attività eruttive, spesso precedute proprio dalle eruzioni dei vulcani vicini. E’ un vulcano molto temuto, nominato “fratello maggiore” dell’Eyjafjallajokull. “Se scoppia – ammette sottovoce Sigried, la responsabile della Croce Rossa locale – sarà una vera tragedia… altro che ritardi agli aeroporti. Verrebbe inondata l’isola e potrebbe esserci un cambio climatico catastrofico”. Lei, insieme alle sue colleghe, da giorni sta organizzando l’evacuazione degli allevatori di tutta l’area. Con efficienza tutta nordica stanno mettendo in sicurezza 800 persone, salvando anche il loro unico vero capitale economico, le loro bestie. “Questo pomeriggio – racconta orgogliosa – siamo riusciti a far tornare tutti e 800 nelle loro fattorie, dove sono riusciti a sfamare gli animali. E poi sono tutti tornati, per maggiore sicurezza, nei ricoveri vicini alla città”. Li avvisano via sms e riescono a farli spostare tutti nei 30 minuti dopo avere ricevuto l’allarme. Intanto le spalatrici lavorano incessantemente per alzare barriere di terra in grado di controllare il flusso della piena. La strada principale, che qui in Islanda ricorda una provinciale italiana, è stata interrotta perchè travolta dalle onde in più punti. Hanno retto invece alcuni ponti, addirittura uno costruito nel ’39 è stato sempre perfettamente transitabile. Le numerose carovane delle tv Usa non hanno avuto dubbi nello scegliere la location dei loro collegamenti: si sono posizionate al centro della valle da dove si possono scorgere tante cascate, da cui sta defluendo acqua grigia, un misto di neve sciolta e lava nera
IL FASCINO DEL FENOMENO – Fra tante preoccupazioni, c’è un effetto esteticamente piacevole provocato dalla nube vulcanica. Da ieri sera, nei cieli di gran parte dell’Europa, si sono verificati spettacolari tramonti color rosso vermiglio. Sono la diretta conseguenza di un fenomeno di diffusione della luce solare causato dalle particelle di cenere. Il fenomeno, già noto e descritto in occasioni di precedenti eruzioni di portata continentale o globale, ha scatenato, grazie al tam tam di internet, la corsa all’organizzazione di “sunset party”, durante i quali, amici, innamorati, appassionati di fenomeni atmosferici, si godono il Sole più rutilante che si possa mai vedere.
Anche gli appassionati di geofisica, vulcanologia, meteorologia e climatologia sono estremamente affascinati da un fenomeno che potrebbe avere ripercussioni storiche: in queste ore in Islanda si sta verificando uno dei fenomeni storicamente più attraente e interessante sia a livello scientifico che a livello storico, poetico e sociale.
Un fenomeno che, probabilmente, non è destinato a rimanere un episodio isolato…

                                                                                                                                                 (Fonte: Ansa)

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento