ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO

Migliaia di pellegrini in questi giorni  a Collevalenza per l’acqua miracolosa. Domenica scorsa con blocchetto notes e penna siamo andati a Collevalenza di Todi.

Un sole concente : ilcronista di Terni magazine, parcheggia all’ombra, ma un addetto ai posteggi gli fa spostare l’auto.

Allora il cronista si arma di buon avolontà e cerca un posizione migliore, poi apre il registratore:

Santuario di Collevalenza 250x179 ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCROL’Acqua del Santuario dell’Amore Misericordioso

La Madre Speranza giunse nella frazione di Collevalenza, con il consenso del Vescovo di Todi Mons.

Alfonso Maria De Sanctis, il 18 agosto 1951, insieme ai primi Figli dell’Amore Misericordioso e ad una piccola comunità di Ancelle.

Vi giunse condotta dalla Divina Provvidenza e già consapevole, per grandi linee, di ciò che avrebbe dovuto realizzarvi.

a volte i miracoli accadono libro 55296 1 ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO
Curare l’anima attraverso il ricordo delle vite passate

rating 5 ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO

€ 18
carrello ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO
 

Nel suo Diario infatti, in data 14 maggio 1949, si legge di una singolare premonizione: con l’aiuto divino e a prezzo di non pochi sacrifici, ella avrebbe realizzato un magnifico complesso incentrato attorno ad un Santuario dedicato all’Amore Misericordioso del Signore, comprendente anche strutture per l’accoglienza di pellegrini, di infermi e di Sacerdoti. Il tutto al fine di costituire un centro di richiamo per tante anime.

Non passò, infatti, molto tempo che, a poca distanza dal paese, si iniziarono ad inaugurare le nuove costruzioni: la Casa dei fam nel 1953; il Seminario minore nel 1954; la Cappella del Crocifisso nel 1955.

Questa medesima Cappella fu poi eretta canonicamente come “Santuario dell’Amore Misericordioso” da Mons. De Sanctis, il 1° ottobre del 1959.

Frattanto il futuro dell’Opera andava chiarendosi anche per i Religiosi che stavano a fianco della Madre Speranza come primi discepoli e collaboratori. Un verbale comunitario, datato 28 aprile 1957, attesta:

“… La Madre, seguìta da alcuni faN, si reca a vedere un appezzamento di terreno e ci dice molte cose che meritano di essere scritte e tramandate…
Collevalenza diventerà qualcosa di grande. Come Lourdes è oggi meta di pellegrinaggi, fonte di tanti prodigi e dovunque conosciuta mentre ieri (la zona della grotta) era una squallida campagna, così domani nell’antico “roccolo” di Collevalenza sorgeranno tante costruzioni, vi sarà un grande Santuario dell’Amore Misericordioso, vi saranno pellegrinaggi e si rinnoveranno prodigi non meno che a Lourdes… Tutto ciò però quando la Madre non sarà più su questa terra”
Benché in queste righe non si parli ancora né di acqua, né di piscine, l’esplicito riferimento a Lourdes fa già intravedere gli sviluppi successivi.

Collevalenza diventerà qualcosa di grande… meta di pellegrinaggi, fonte di tanti prodigi… nell’antico “roccolo” di Collevalenza sorgeranno tante costruzioni, vi sarà un grande Santuario dell’Amore Misericordioso, vi saranno pellegrinaggi e si rinnoveranno prodigi… Tutto ciò però quando la Madre non sarà più su questa terra”.

Il Pozzo e le Piscine

Si può dire che il piccolo paese di Collevalenza, nella sua storia, abbia sempre sofferto per la mancanza di acqua potabile; e in quegli anni il Comune di Todi cercava di supplirvi con erogazioni periodiche a mezzo di autobotti.
In questo contesto, la volontà divina in merito al Pozzo e alle Piscine si fece esplicita: si era agli inizi dell’anno 1960. Le circostanze vengono egregiamente descritte dalla Segretaria Generale delle Ancelle: “Nostra Madre ha ricevuto l’ordine di realizzare alcune Piscine per il bagno dei malati e le è stato indicato il punto dove troverà l’acqua necessaria. Nostra Madre, sempre fedele ai comandi di Colui che non sbaglia, né dà ordini in maniera vana, si dispone ad iniziare un pozzo lì dove le è stato detto che troverà l’acqua, cioè a fianco della futura “Basilica dell’Amore Misericordioso”, tra questa e la futura “Casa della Giovane””. Più oltre prosegue: “Al “nemico del bene” urta che si progettino delle piscine per il bagno dei malati (la qual cosa fa ben comprendere come queste piscine produrranno tanto del bene), e contrasta in ogni modo a nostra Madre a causa del pozzo, e la minaccia dicendole che se farà uso della trivella, la romperà; che romperà tutte quelle che verranno portate e non ce ne saranno a sufficienza in tutta l’Umbria”.
E in effetti l’escavazione del Pozzo fu, a dir poco, snervante sia per la profondità che si dovette raggiungere (122 metri), sia per la serie, umanamente inspiegabile, di complicazioni meccaniche e tecniche che si verificarono; per la Madre Speranza, poi, si aggiunsero numerose vessazioni del maligno. I lavori dell’intero progetto durarono precisamente 10 mesi: dal 1° febbraio al 1° dicembre del 1960, giorno in cui fu istallata sull’apposita colonna la statua in marmo di Maria Mediatrice.
Si iniziò la perforazione del Pozzo con una trivella a mano, azionata da uno dei Religiosi, con la quale si raggiunse la profondità di 9 metri. Successivamente, ai primi di marzo, si conferì l’incarico all’impresario locale Giuseppe Salici il quale, dopo aver anch’egli adottato una trivella (spezzatasi a 12 metri di profondità), proseguì fino a 23 metri realizzando un “pozzo romano”. Non potendo proseguire oltre con tale tecnica, ai primi di aprile, ci si accordò finalmente con una ditta specializzata, per la perforazione di un pozzo artesiano: la ditta Guido De Togni di Isola della Scala (VR).
Quando il dubbio iniziava già a serpeggiare anche in casa e i commenti di molti all’esterno si facevano malevoli, nel pomeriggio del 6 maggio, la sonda di perforazione, dopo essere rimasta incagliata in profondità per più di un’ora, finalmente incontrò un’abbondante falda acquifera, a 92 metri: fu una vera liberazione!
In quella occasione la Madre Speranza, andata in estasi presso il Pozzo, pronunciò parole di commosso ringraziamento e di fiduciosa implorazione.
Altre falde acquifere furono poi trovate a 114, 120 e 122 metri.
Meno problematica, invece, fu la realizzazione delle Piscine, progettate dall’architetto Julio Lafuente, e la sistemazione dell’area circostante: gettate le fondazioni il 22 agosto, tutto fu ultimato per il 1° dicembre dei quello stesso anno.

Le finalità dell’Acqua del Santuario

E’ questo sicuramente il punto più importante del discorso: comprende il nesso che intercorre tra le piscine ed il Santuario; e, più in particolare, le finalità specifiche per le quali la Divina Provvidenza ha voluto quest’Acqua.

Per dare risposta a queste domande esiste una sola via: ricorrere a tutto ciò che la Madre Speranza ha detto o ha scritto al riguardo, quale autorevole interprete dei voleri divini; perlomeno fare riferimento almeno alle cose più essenziali che Essa ha detto.
La risposta più autorevole, probabilmente, ci viene dalla “pergamena” che il giorno 14 luglio 1960 fu gettata con apposito contenitore in fondo al Pozzo, durante una sobria cerimonia a metà circa dei lavori. Si tratta di parole ricevute dalla Madre Speranza durante un’estasi del 3 aprile precedente, aventi fin dall’intestazione un valore particolarmente ufficiale. Dice il testo:
“Decreto. A quest’acqua e alle piscine va dato il nome del mio Santuario. Desidero che tu dica, fino ad inciderlo nel cuore e nella mente di tutti coloro che ricorrono a te, che usino quest’acqua con molta fede e fiducia e si vedranno sempre liberati da gravi infermità; e che prima passino tutti a curare le loro povere anime dalle piaghe che le affliggono per questo mio Santuario dove li aspetta non un giudice per condannarli e dar loro subito il castigo, bensì un Padre che li ama, perdona, non tiene in conto, e dimentica”..

Da qui, appunto, trae ispirazione una delle frasi scolpite sulla facciata delle Piscine: “Usa quest’acqua con fede e amore, sicuro che ti servirà di refrigerio al corpo e di salute all’anima”.

Le finalità taumaturgiche di quest’Acqua e la sua interdipendenza con l’azione pastorale del Santuario sono parimenti espresse nella “Preghiera per il Santuario”, composta dalla stessa Fondatrice:

Ulteriori precisazioni sulle finalità dell’Acqua ci vengono da altre parole della Madre Speranza. Il 6 febbraio del 1960, quando ancora si era ai primi tentativi di perforazione del Pozzo, partecipando ad un atto comunitario con i suoi Religiosi, così illustrò loro gli scopi dell’Opera: “La Madre… prende occasione per dirci che nell’orto si dovrà trovare l’acqua e che questa dovrà alimentare le Piscine dell’Amore Misericordioso; che a quest’acqua il Signore darà il potere di curare dal cancro e dalla paralisi, figure delle anime in peccato mortale e in peccato veniale abituale”.

Questi concetti tornano, ancor meglio sviluppati, nell’estasi avuta presso il Pozzo il 6 maggio, giorno del rinvenimento della prima falda acquifera:

a volte i miracoli accadono libro 55296 1 ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO
Curare l’anima attraverso il ricordo delle vite passate

rating 5 ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO

€ 18
carrello ACQUA MIRACOLOSA A COLLEVALENZA, PELLEGRINI TESTIMONIANO GUARIGIONI DAL CANCRO

“… Ti ringrazio, Signore! Dà la forza a quest’acqua di guarire il cancro e la paralisi, uno figura del peccato mortale e l’altra del peccato abituale… Il cancro uccide l’uomo, lo disfa; la paralisi lo rende inutile, no lo fa camminare… Dà all’acqua la virtù di far guarire i malati, i malati poveri che non hanno mezzi, anche con una sola goccia d’acqua… Sia quest’acqua la figura della tua grazia e della tua misericordia”.

easy_noindex_nofollow_index:
0
easy_noindex_nofollow_follow:
0
hefo_before:
0
hefo_after:
0
Tagged under

77 Comments

  1. Sergio Maria Faini Reply

    Mia moglie ed io siamo stati due volte a Collevalenza ed abbiamo partecipato alla Liturgia delle acque. In entrambe le occasioni abbiamo ricevuto un grande conforto spirituale. E’ un luogo dove si sperimenta la pace nel cuore, dove il silenzio è preghiera e ascolto…

  2. enrico Reply

    l’articolo e’ molto interessante anche se in esso non viene mai dichiarato ufficialmente quante guarigioni da cancro siano avvenute per l’acqua miracolosa,ho mia madre ammalata di cancro e vorrei avere qualche notizia in piu’.grazie

    1. Sergio Reply

      Anch’io sono malato di carcinoma a grandi cellule ai polmoni, ed ho conosciuto Madre Speranza in una trasmissione televisiva e, per la prima volta ho voluto prendere l’indirizzo del Santuario per poterlo andare a visitare. Spero di potermi bagnare nell’acqua miracolosa senza aspettarmi nulla di certo, l’unica cosa che certamente otterrò sara la mia pacificazione con il SS. Non chiederò garanzie che questo avvenga.

  3. lisa Reply

    Conosco Collevalenza, Madre Speranza… ma sono io che non ho compreso o si parla di guarigioni da cancro e da paralisi, in quanto la prima figura del peccato mortale e l’altra del peccato abituale? Allora a tutti gli ammalati di cancro, se credenti, oltre il dolore del male che li affligge, la triste consapevolezza di essere in peccato… spiegatemi gentilmente… grazie

  4. MICHELA Reply

    La mia esperienza, vissuta nel novembre scorso a Collevalenza è stata fortissima…quando si fa tutto con grande FEDE, Gesù non può non guarirci e graziarci…a Lui nulla è impossibile…l’importante è credere…io Credo fermamente nel Suo Amore Misericordioso per ognuno di noi…com’è Grande Gesù che opera miracolosamente…Lui Ci Ama di un infinito Amore…a Collevalenza, durante la visita alla Cripta, vicino alla tomba di Madre Speranza, ho avvertito un profumo soave…lo stesso profumo l’ho avvertito prima di accedere alle piscine…cosa dire? Grazie, Gesù, Lode e Gloria a Te!
    N.B. Da premettere che sono stata operata nel mese di Dicembre 2009 di un carcinoma ovarico…chemio e….grazie, Gesù!

    Con affetto, Michela

  5. liliana Reply

    Non conosco Collevalenza, ma me ne hanno parlato bene spero che la Madre Speranza che io non conosco mi stia vicino e mi conforti in questo momento di sacrificio per mio figlio Donato e mia nuora Dabriella che e’ in dolce attesa, perche’ non lavorano e in questo momento vorrebbero mettere un attivita’ insieme. Chiedo preghiere e assistenza spirituale. P.S. se mi mandaste dei santini ne sarei grata. Liliana

    1. Giancarlo Padula Reply

      MOLTO SEMPLICE: dve prendere dei ciontenuitori di VETRO, non di palstica, e organizzare una gita COLLEVALENZA, DI TODI. MAGARI PRIMA TELEFONATE PER SAPERE QUANDO E’ POSSIBILE FARE UIK BAGNIO NELLA VASCHE, POI IFORNITEVI DEL’ACQUA, CI SONO DECIJE E DECINE DI RUBINETTI. CONFESSATEVI E PARTECIPATE AD UNA CLEBRAZIOHNE EUCARISTICA, TORNATE A CASA IN GRAZIE DI DIO

  6. Mons.Bertholomeu Gorges Reply

    PAZ e Bem
    Em homenagem a Madre Esperança e o Padre Gobbi.
    Saudade… é…

    … levar dentro do coração
    a presença de um ausente querido…
    é sentir a emoção
    de um amor perdido…
    é ter a sensação
    daquele abraço sentido…
    saudade, é simplesmente,
    sentir como permanente,
    aquele alguém ausente,
    cuja presença se pressente,
    é aquele passado,
    sempre lembrado,
    que queremos de presente
    no momento presente…
    Esperamos que se apresente,
    voltando em caráter permanente…
    É um doce sentimento,
    lembrado sem lamento,
    de um momento de felicidade,
    a ser lembrado apenas… com saudade
    No proximo retiro que eu for vou
    junto a sua sepultura e vou
    fazer esta simples homenagem.
    Mons.Bertholemu Gorges
    Bahia Brasil.

  7. mingardi lella Reply

    La prima volta due anni fa,avevo una bella displasia allo stomaco,al controllo successivo dopo una settimana dal mio viaggio a Collevalenza ero guarita.La seconda volta,quest’anno,ero andata per pregare per un amico sacerdote,ed ho avuto una grazia spirituale notevole,che non riesco neanche a raccontare,ma che ha permesso al mio amico e non solo a lui,di superare la sua crisi spirituale.

    1. maria Reply

      voglio andare anch’io ,perché chiedo al signore di purificare la mia anima,darmi tanta pazienza e salute per continuare ad assistere i miei pazienti

  8. antonio molzoni Reply

    nel 1969 , mio nonno si ammalò di cancro alla gola ( carcinoma ) diagnosi del REGINA ELENA da me letta. fu portato da MADRE SPERANZA e guari’ . lo riporto per cronaca non sono praticante religioso.

  9. liliana Reply

    Come si fa per avere l’aqua miracolosa a casa? Io non conoscevo collevalenza, ma me ne hanno parlato bene e letto ancora di piu’. Grazie Liliana

    1. Redazione Reply

      Bisogna recarsi al Santuario di Collevalenza (Todi), con damigiane o recipienti di vetro, non plastica. Sul posto ci sono tantissime fontanelle. Su prenotazione è possibile fare anche il bagno, rivolgersi al Santuario: Tel. 075-8958.282 Digitare su Google Sabtuario Collevalenza
      Fax 075-8958.283
      C/C Postale 11819067

  10. nicoletta Reply

    Venerdi parto per andare a trovare la Madre non vedo l’ora. Come si arriva a Collevalenza si trova la Pace, è una sensazione indescrivibile, spero tanto di poter avere la grazia di sentire il suo profumo.

  11. franca Reply

    sabato 8 ottobre vado da MADRE SPERANZA è la terza volta che vado ma ogni volta e come fosse la prima ti prende una grande serenita una pace interiore davanti alla cripta di madre speranza senti la presenza di qualcosa di speciale ho avuto il cancro al seno sono stata operata e ora sto bene ho fatto anch’io il bagno nell’acqua delle piscine con tanta speranza… e forse il nome della madre non e stato doto ha caso ma x infondere tanta speranza hai pellegrini che vi si recano grazie GESU diavercela data!!

  12. rosy Reply

    Mia madre ha un cancro al pancreas, i medici le hanno dato 6 mesi di vita, mi hanno parlato di MADRE SPERANZA, vorrei portarci mia madre perchè credo nei miracoli di GESù. Mia madre ha tanti dolori e non sò se riuscirò a portarla, il viaggio per lei sarebbe troppo lungo. e possibile venire io e prendere l’acqua miracolosa? Grazie!!

    1. Redazione Reply

      Madre Speranza morì al Santuario di Collevalenza che aveva fondato il 6 Febbario del 1983. Per contatti e per visionare il sito del Santuario, questo è il link: http://www.collevalenza.it/

    2. FRANCESCO Reply

      ciao sono Francesco,pure mio padre ha questo problema ma al colon con metastasi sul fegato,voglio dirti solo una cosa e cioè Dio e grande e il suo amore….se il tuo cuore ti dice di andare a collevalenza vacci senza pensarci due volte,chissà forse ci incontreremo in quel posto perche’ anchio ho una gran fede in Dio e mi fido di lui…..

  13. giovanni Reply

    Io e la mia compagna Zinaida abbiamo fede ci piace ascoltare tutto ciò che viene fatto da DIO,DALLA MADONNA,attraverso le persone di fede,ci riempie il cuore,ci da la forza di proseguire con serenità.La
    speranza è che la fede aumenti sempre più.

  14. Pietro Reply

    La luce divina e’ la fonte della nostra esistenza .
    Se ti nutri di bene e no di benessere sei sempre sazzio
    d’amore,
    La luce non e’ materia quindi viviamo la materia piu’ che possiamo
    Nell’amore e nel volere di Dio grazie di esistere Madre Speranza e chi
    Come te si e’ resa immortale per le sue opere benefiche .
    Un mondo di baci e abbracci al mio Padre spirituale Francesco Forgione
    Caro Padre Pio abbracciando te so gia’ di stringere al mio cuore tutti i miei cari per l’eternità. Di loro che li penso sempre e che il mondo senza di loro e come un campo di rose senza profumo .

  15. Gregorio Reply

    Che posso dire, è stupefacente l’AMORE di DIO.
    Sono un povero uomo che a 59 anni ancora non ha capito nulla.Verrò presto a Collevalenza con la speranza nel cuore di trovare l’equilibrio giusto di come condurre finalmente gli anni che mi restano da vivere.
    Signore cosa vuoi che io faccia?
    Estirpa questa disperazione che ho nel cuore, dammi la pace vera.
    Tutti i problemi che ho e che ho avuto sono colpa mia perchè ero e sono ancora cieco, aprimi gli occhi,
    che possa finalmente vedere la via ma prima di tutto perdona i miei molti peccati.

  16. roberto valvo Reply

    Paolo Brosio mi ha fatto conoscere questa meraviglia.E’ cosa splendida e commovente,quanto descritto,di immensa speranza.

  17. Anna Reply

    Sono venuta anch’io a conoscenza di Madre Speranza e del Santuario di Collevalenza tramite Viaggio a.., e devo ammettere che sono rimasta molto colpita, dopo essere stata a Medjougorje, nn ho provato la stessa cosa che ho provato quando ho visto la madre, una persona che infonde una gran speranza.. in un momento della mia vita buio, spero di andare presto a Collevalenza per visitare un luogo che spero mi dia la pace nel corpo e la tranquillità dello spirito che vorrei.

  18. angela monteleone Reply

    Ho sentito parlare di Madre Speranza e dell’acqua miracolosa c’è mia cognata che ha il morbo di cron e vorrei portarla per farle bere l’acqua miracolosa vorrei sapere se da Torino ci sono dei pellegrinaggi organizati grazie

    1. Redazione Reply

      SI METTA IN CONTATTO DIRETTAMENTE CON IL SANTUARIO: Informatevi presso il Santurio per conoscere le varie iniziative
      Tel. 075-8958.282
      Fax 075-8958.283
      C/C Postale 11819067

      O con la Diocesi di Torino: Centralino: 011/51.56.300

  19. roberta Reply

    sono cresciuta a Collevalenza, da ragazza andavo con la comunita’ di Spinaceto……a distanza di anni sono tornata li’, abbiamo fatto un pellegrinaggio di persone adulte e poi ho portare i bambini dei quali sono catechista.Le stesse emozioni di 30 anni fa’ Credete in Gesu’ e nel suo Amore Misericordioso.
    Madre Speranza intercedi per noi

  20. mariano Reply

    Voglio venire a Collevalenza per aprire il mio cuore Dio in maniera definitiva sono in un periodo che dire brutto e poco spero che Madre Speranza mi impenetri il cuore di Cristo in me e mi perdoni per quello di brutto che ho fatto.

  21. mariano Reply

    sono veramente disperato pero ho ancora una speranza nella compassione di cristo che perdoni i miei peccati e mi faccia trovare la giusta via.volglio fare un bagno nelle piscine di collevalenza senteto un richiamo verso queste acque meravigliose

  22. Daniela Reply

    grazie a Paolo Brosio che mi ha ricordato di questa suora vista in un santino a dicembre 2011 dopo un intervento chirurgico da una amica che ho rivisto p dopo 20 anni perchè l’ospedale l’ospedale era proprio nella sua città a Civitanova Marche mentre io abito a Bologna….le vie del Signore sono infinite…

  23. denis anelli Reply

    non sapevo dell’esistenza di questo santuario edella sua acqua miracolosa solo vedendo la trasmissione di Brosio ne sono venuta a conoscenza . . . . penso che andro’ presto a fare una visita vorrei sapere se e’ difficoltoso avere una prenotazione per immergersi nelle vasche ….. ringrazio chi mi puo’ dare una risposta

  24. lorella Reply

    Sono stata da Madre Speranza Sabato Santo, ho fatto il bagno nelle piscine, esperienza indimenticabile, grazie a Paolo rosio che mi ha fatto conoscere questo posto meraviglioso….Madre Speranza Grazie. Lorella

    1. ROMANO Reply

      scusa il disturbo vorrei andare a collevalenza da Madre Speranza ai qualche consiglio qualche num telefonico di riferimento?
      grazie e scusa il disturbo
      Romano

  25. francesca Reply

    desideravo chiedere a tutte le persone che leggeranno questo mio messaggio di pregare per i miei figli Mattia ed Alessandro che non stanno bene…. prego Madre Speranza un volto d’amore e misericordia che mi ricorda molto quella di mia nonna paterna, che interceda presso il suo amato Gesu’ per far sì che guariscano….
    Gloria a Dio|

    1. gianni Reply

      Perdonami ma solo ora ho letto il tuo messaggio , perchè è la prima volta che entro in questo sito e mi hai colpito tantissimo perchè ho anche io 2 figli . Sicuramente pregheremo per i tuoi figli ma soprattutto fammi sapere come stanno ora dopo tanto tempo………

  26. Maurizio Reply

    Volevo sapere se da’ solo un aiuto fisico o anche spirituale.Ho perso da poco una persona cara e faccio fatica a riprendermi,tentenno sull’aldila’,un giorno ci credo fortemente,ma quello dopo un po’ meno,ho paura di non rivederlo mai piu’ e questo non mi da’ pace e ho paura che non dia pace nemmeno a lui.Potete rispondermi?

    1. Redazione Reply

      Capisco benissimo il Suo stato d’animo. Per quanto riguarda “L’aldilà”, vade su Google e digigiti Catechismo della Chiesta cattolica e vada ai capitoli che tratano l’argomento. Prenda una Bibbia e legga il Nuovo Testamento; in una libreria cattolica acquisti un libretto (dica versione economica), sui “NOVISSIMI”. Non legga assolutamente testi di carattere esoterico nè tanto meno libri che parlano di contatti con l’aldilà o trapassati, sono tutte cose false e ingannevoli!

      Spero di esserle stato utile

      Il direttore

      Giancarlo Padula

  27. melissa Reply

    Prega tanto per il mio papà è un periodaccio per lui….prima un problema all occhio poi alla mano!veramente ti chiedo di proteggerlo grazie!

  28. Alberto Reply

    Io sono venuto a conoscenza di Madre Speranza tramite i miei suoceri; ho mia mamma con dei problemi dei quali non riusciamo a trovare la causa ormai da anni..volevo sapere come poter fare per contattare madre speranza perchè penso sia un segno del signore e vorrei partire da Bergamo per regalare a mia mamma un weekend a collevalenza con la speranza di poterle poi magari dopo quel giorno regalarle un sorriso per tutta la vita come si merita dopo tanta sofferenza..grazie!

  29. giuseppe Reply

    Abbiamo appreso di Suor Speranza dalla trasmissione di P.Brosio. Se Dio vuole il 24 e 25 aprile saremo a Collevalenza. A presto.

    1. rosanna Reply

      Madre Speranza intercedi per me…..dì al Buon Gesù che mi doni la forza necessaria per combattere

  30. ALESSANDRO Reply

    SONO 2 ANNI CHE SOFFRO DI UN MALE NON ANCORA DIAGNOSTICATO A LIVELLO MEDICO,SOLO IPOTESI DI FIBROMIALGIA MA I SINTOMI SONO STRANI TANTO CHE UN PRETE CARISMATICO MI HA DETTO DI FARE IL BAGNO NELLE ACQUE DI COLLEVALENZA,PERCHE NON MI HA VOLUTO DIRE IL MOTIVO?
    RISPONDETE SE E’ POSSIBILE

    1. Redazione Reply

      Al Santuario dell’Amore misericordioso di Collevalenza sgorga un’acqua che si può bere o nella quale immergersi che può dare giovamenti alla salute. Per informazioni visitare il sito: http://www.collevalenza.it/

  31. MINGARDI LELLA Reply

    Una cosa che mi sento di aggiungere, è che la cosa più importante non è pensare a se stessi,chiedere per se stessi.
    Nel momento in cui ti immergi,capisci che quella che tu hai in testa è una lunga lista di inutilità,il Signore conosce i nostri bisogni…la cosa più importante è affidarsi a Gesù ed al suo amore che va oltre i nostri difetti e le nostre mancanze,e chiedergli di prendersi cura di noi.
    Ricordiamo le parole del Vangelo:Va donna,la tua fede ti ha salvato.”
    E se la fede manca,non fingiamo,ma mettiamoci davanti a Gesù,così,nudi come siamo,con la nostra piccolissima fede e la speranza in Lui per accrescerla.
    Prima di entrare si recita un rosario sui dieci comandamenti,cerchiamo di sentirci vicini al Signore e di non pensare ad altro.

  32. Monica e Massimo Reply

    Siamo in Umbria…una gita non programmata verso le colline di Todi e dintorni….ed ecco Collevalenza. Ci fermiamo
    In visita al Santuario….e la serenità inizia ad arrivare su di noi…e poi la tomba di Madre Speranza…. un brivido e poi le fontane con l’Acqua Miracolosa…un brivido
    Che forte gioia ed emozione sto sentendo, arrivano anche impercettibili lacrime di commozione….
    Questo è UN LUOGO SANTO e PIENO DI PACE!!!
    IO CREDO IN TE GESU’,NEL TUO ETERNO AMORE E NELLA TUA INFINITA MISERICORDIA E TI RINGRAZIO DI AVERCI DONATO MADRE SPERANZA
    AFFIDO A TE E ALLA VERGINE MARIA, NOSTRA MADRE SANTA, LA MIA VITA E QUELLA DEI MIEI CARI E VI PREGO PER LA PACE E L’AMORE UNIVERSALE.
    DONACI LA FORZA PER I MOMENTI DURI CHE DOBBIAMO AFFRONTARE
    MADRE SPERANZA INTERCEDI E PREGA PER IL MONDO INTERO

    25/04/2013

  33. Mariafranca Reply

    Sono andata a Collevalenza qualche anno fa e ho sperimentato la gioiadi vivere nella quiete dello spirito, l’accoglienza buona e gentile delle suore che animano di conforto il santuario. Vorrei ritornare nella speranza di guarire da una malattia non gravissima ma invalidante.Confido in Madre Speranza che ciò possa avvenire a Dio piacendo, per me e per la mia famiglia.

  34. antonietta Reply

    una mia amica mi ha invitato a venire al santuario e sarei veramente felice di poter portare al mio caro Gesù tutte le mie infermità non fisike ma dell’anima ma ho tanta paura di trovarmi tra tutta quella gente ho tanta paura ho delle crisi d’ansia mi viene il panico vi kiedo di pregare x me x superare tutte queste paure e sono sicura ke con il vostro aiuto riuscirò ad andare da Madre Speranza grazie

  35. mariella Reply

    dispiace molto non abbiate pubblicato la mia lettera di ieri 17….e mi chiedo perché?…il mio non era certo un parere discorde…piuttosto faceva luce su uno scempio archittetonico che svilisce il contenuto meraviglioso dell’acqua preziosa…che mette in luce..la dispersione del luogo…e che a questo punto mette in luce che i pareri che non vi aggradano li annullate per assoluta superbia…e ciò credo non sia esattamente quello che Madre Speranza avrebbe voluto e vuole….io parlavo di assenza di armonia di forme ….non certo di contenuti….non abbiate timore di allontanare i Cristiani..perchè se Dio è con noi..niente è temibile…..Vi auguro tanta pace e tanta gioia del cuore..e mettete un po’ di bianco….in quelle costruzioni così scure…almeno cambiate i cancelli…tinteggiateli di bianco….fate sì che chi arriva da solo si senta accolto dall’acqua…che è trasparente…..ed è solo luce….DIVINA…noi siamo andati in cinque e tutti siamo andati via con la medesima sensazione…grazie

  36. mariafranca Reply

    E’ giusto esprimere le proprie emozioni , il confronto può aiutarci nella fede e nella “speranza”. I luoghi sacri ci impegnano nella preghiera e nella meditazione, Collevalenza ne è l’emblema , Madre Speranza lo ha voluto così , in ogni luogo il respiro dell’ essenziale, ci riporta a ritrovare con le nostre fatiche ( parlo per me) il senso di Dio Padre che ci accoglie a braccia aperte nella sua Casa.Pace e Bene

  37. marisa leoncini Reply

    Sono la mamma di Luca un ragazzo disabile , in carrozzina dalla nascita, spero di venire presto al santuario a pregare, intanto inozio da qui una novena che ho trovato nella chiesa dell’ospedale dove lavoro a l’Aquila, chiedo a voi, per favore di pregare ,intanto, per il mio Luca, affinchè possa essere aiutato, sempre secondo la volontà del Padre. Chiedo anche preghiere per mio genero Danilo che ha asportato un melanoma ed ora deve fare i controlli. grazie di cuore a chiunque voglia affiancarmi nella preghiera Marisa

  38. Angela Bruno Reply

    Prato 05 – 07 – 2013
    Mi chiamo Bruno Angela, soffro da 12 anni per tre interventi sbagliati alla colonna vertebrale, grazie alla mala sanità. Dal 2007 ero migliorata con la piscina riabilitativa, a marzo del 2012 mi è stata tolta la possibilità di continuare le terapie in acqua, da settembre del 2012 mi ero isolata nel mio letto, perché i dolori molto forti m’impedivano di stare alzata, perché i dolori sono a carico in deambulazione. il 20 di giugno sono venuta a Collevalenza, ho fatto il bagno integrale nella vasca. Dopo 2 giorni ho incominciato ad alzarmi sempre di più, i dolori sono più sopportabili e riesco ad accudire meglio la mia famiglia di tre maschi. di cui non riuscivo più neanche a cucinargli. Ringrazio Madre Speranza per l’intercessione e Dio che ha ascoltato i miei lamenti. Ringrazio

  39. Giovanna Reply

    Sono tornata a Collevalenza dietro le insistenze di una mia cara conoscente e devo dire che mi ha fatto molto bene. Dolorante per un problema che da anni i medici che mi hanno in cura non riescono a capire, nel momento in cui mi sono immersa nella vasca ho compreso la mia pochezza di fronte ai veri mali dell’umanità. Grazie Madre Speranza che ancora una volta sei l’ancora del mio spirito.

  40. maurizio Reply

    Vorrei tanto andarci e portarci la mia famiglia se qualcuno ha un contatto di qualche albergo anche di suore grazie

  41. francesca Reply

    Chiedo a tutti coloro che leggeranno questo mio commento di unirsi con me per la guarigione fisica di GIOVANNA, io farò lo stesso per loro e per le loro intenzioni.
    Sia lodato Dio e che Madre Speranza interceda per guarire le ns. miserie.

  42. GINA Reply

    scusa se t’importuno ma se non ho dei contenitori di vetro come faro’ a prendere l’acqua? oggi le bottigliette sono tutte di plastica, partiro’ per Collevalenza il 23 settembre con un pellegrinaggio proveniente da Scafati vicino Pompei. Parecchi amici e parenti mi hanno chiesto l’acqua vorrei sapere se li’ si vendono delle bottigliette di vetro come a Lourdes. Grazie.

  43. Massimo Reply

    Sto passando un momento atroce, nel giro di un mese ho perso completamente l’uso degli arti inferiori , un amico mi ha parlato di quet’acqua miracolosa mi fece dono di una bottiglia della stessa, ora ho ripreso fiducia , anche se non noto segni, ma sono certo che lassù qualcuno pensa a chi ha bisogno di andare oltre le medicine , per tovare fiducia e fede , Grazie.

  44. Sandro Reply

    Certe sciocchezze non si possono neppure leggere.
    Prendersi gioco di chi è malato, illuderlo di presunte e inesistenti guarigioni “miracolose”, è a dir poco aberrante.

    1. francesca Reply

      Nessuno ci puo’ obbligare a credere ma……. neanche a non credere!
      Se abbiamo veramente fede possiamo anche credere che l’acqua del rubinetto guarisca e faccia miracoli. E’ la ns. fede che ci libera e ci salva!
      Io sono pienamente convinta che ns. Signore si possa servire di chiunque e di qualunque cosa per arrivare a noi ma soprattutto per attuare il suo piano di salvezza. Che poi Madre Speranza sia stata una prescelta, questo e’ sotto agli occhi di tutti. Sia lodato Dio e che Madre Speranza interceda per tutti noi!

      Francesca

  45. giuseppina Reply

    ciao sono giuseppina io non sapevo di questo posto ,poi in una cena parrocchiale ne sono venuta a conoscenza ,ci andrò con la comunità ,della mia parrocchia il 7 giugno ,,,CON MIO FIGLIO FRANCESCO ….CHE IL 24 GIUGNO SI DEVE OPERARE ,MA SENTO AL MIO CUORE CHE ANDRà TUTTO BENE , MADRE SPERANZA STIAMO ARRIVANDO ,TUTTA LA NOSTRA COMUNITà,MI HAI CHIAMATO CI HAI CHIAMATO STIAMO ARRIVANDO ,,,,UN ABBRACCIO

  46. PINO Reply

    COLLEVALENZA E’ UN LUOGO DOVE SI RESPIRA LA PACE DI DIO E DOVE MADRE SPERANZA ALEGGIA IN TUTTA LA SUA AMOREVOLEZZA. LA SANTITA’ E’ UN DONO IMMENSO CHE MADRE SPERANZA ELARGISCE AI SUOI PELLEGRINI. CHI VA A COLLEVALENZA HA UNA STRADA APERTA VERSO IL PARADISO- LA PICCOLA LOURDES E’ IN ATTESA DI TUTTI E UNA SOLA GOCCIA D’ACQUA MIRACOLOSA PUO’ RISANARE I CUORI E I CORPI. COSI’ SIA

  47. alessandra Reply

    Salve,
    ho ricevuto stamani l’acqua del Santuario in una piccola bottiglietta in plastica che é stata presa in loco ma leggo che non andrebbe messa nella plastica ma nel vetro….allora perché questa é nella plastica?devo travasarla?

    1. Giannandrea Reply

      Salve a Lei.
      Non ho mai sentito questo discorso sulla plastica; sarebbe interessante conoscere da dove viene. Forse la plastica non permette una conservazione molto lunga, come il vetro; non vedo altri motivi possibili. Ma siccome l’Acqua del Santuario non va invecchiata come fosse del buon vino, non mi farei problemi a conservarla per un certo tempo e assumerla da un piccolo contenitore di plastica. Piuttosto, meglio servirsene recitando in contemporanea la novena all’Amore Misericordioso, ed essere in grazia di Dio, rimettendosi poi alla Sua infinita Misericordia e Sapienza, perche’ Lui solo sa cosa sia meglio per noi.
      Sia fiduciosa e serena, preghi molto, con umilta’ e fiducia, con insistenza, il Signore Gesu’ e’ davvero misercordioso e anche tanto compassionevole.

  48. Alessandra 77 Reply

    Gentile redazione, ho visitato il santuario il giorno 16 giugno 2014 e mi sono immersa nell’acqua delle piscine.Dopo il bagno il mio corpo emanava un buonissimo profumo di rose e questo profumo mi ha accompagnato per ore.Alla luce di questo, la domanda che mi sono posta e che vorrei porvi è :all’acqua delle piscine viene aggiunta una essenza di rose? Se no,che significato ha quello che mi è accaduto? Grazie

  49. Alba Reply

    C’è qualcuno che potrebbe portare l’acqua benedetta sino a Villafranca di Verona oppure sino in Sicilia a Avola ( Siracusa).La prima settimana di Luglio parto da Villafranca per la Sicilia e ci rimango sino alla fine di Agosto. Purtroppo non posso passare da Collevalenza. Grazie

    Alba

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

18°C

Terni

Partly Cloudy

Humidity 83%

Wind 25.75 km/h

  • 2 Sep 201423°C15°C
  • 3 Sep 201426°C16°C